Tomografia Computerizzata

Dal 1972, gli apparecchi TC hanno subito incessanti processi di evoluzione. Quelli di ultima generazione consentono di esplorare vaste regioni anatomiche in intervalli di tempo molto ridotti.

Descrizione

L’apparecchio TC si caratterizza per un tubo radiogeno che ruota attorno al paziente. I sensori scansionano tutto o parte del corpo umano, restituendo i dati rilevati per ottenere una ricostruzione digitale delle immagini.

Questa tecnica è diventata essenziale in tutte le aree della radiologia. Il suo contributo diagnostico riveste un’importanza fondamentale, in particolare per le patologie addominali, il monitoraggio post-operatorio, le misurazioni ortopediche, le nuove tecniche di endoscopia virtuale e le patologie vascolari: colonscopia virtuale, dopo il fallimento della colonscopia ottica o come alternativa a quest’ultima in alcuni casi specifici, ma anche la TC coronarica per uno studio preciso delle arterie coronarie nell’ambito dello screening per una malattia coronarica, nonché come complemento nei controlli pre-operatori e nel follow-up post-operatorio.

La TC può anche essere utilizzata per interventi che richiedono una localizzazione anatomica precisa, come nel caso del trattamento del dolore mediante infiltrazione lombare controllata.

Consente inoltre la localizzazione necessaria per eseguire biopsie, drenaggi e trattamenti oncologici mediante radiofrequenza (distruzione del tumore per via percutanea con l’uso del calore) o crioterapia (distruzione del tumore per via percutanea con l’uso del freddo).

La radiografia e la TC utilizzano i raggi X
Per salvaguardare la salute dei pazienti, vengono utilizzate delle basse dosi radianti e si adottano delle precauzioni per ridurre al minimo necessario l’area esposta all’irradiazione. Ad esempio, un’immagine semplice corrisponde mediamente all’esposizione media naturale (cosmica) a cui si viene sottoposti durante un volo in aereo di 4 ore. Tuttavia, è necessario che siano intraprese sistematicamente alcune precauzioni per le donne in gravidanza. Qualora lei si trovi in stato di gravidanza, è quindi importante segnalarlo.

Presa a carico dei pazienti

Durante l’esame, sarà accompagnato/a da un/a Tecnico/a di Radiologia Medica (TRM), che le indicherà uno spazio privato a sua disposizione dove potersi spogliare in base alle esigenze dell’esame.

Se le è stato chiesto attenersi a una preparazione specifica prima dell’esame, le raccomandiamo di seguire scrupolosamente le istruzioni ricevute per garantire il corretto completamento dell’esame e la necessaria qualità dell’indagine radiologica.

Può talvolta essere necessaria l’iniezione di un mezzo di contrasto, che potrebbe farle avvertire una sensazione di calore.

Le verrà inoltre fornito un camice da indossare durante l’esame.

Non esiti a porre tutte le sue domande e a formulare le sue richieste, che cercheremo senz’altro di soddisfare.

L’esame ha una durata media di 30 minuti.